AGRIGENTO

Immergiti nella storia
DESCRIZIONE:

Situata su un altopiano che domina la costa meridionale della Sicilia, Agrigento fu fondata come Akragas intorno al 582 a.C. (a.C.) da un gruppo di coloni di Gela, che a loro volta furono i discendenti immediati dei Greci da Rodi e Creta. La zona era abitata molto prima; un teschio femmina (quello della "ragazza di Mandrascava") trovato vicino a Cannatello ha mezzo milione di anni. Un villaggio mesolitico a Punta Bianca, più in basso lungo la costa verso il Castello di Montechiaro, risale al 6000 a.C. I sicaniani potrebbero essere discesi da quella civiltà. Akragas fu ribattezzato Agrigentum dai romani e Girgenti dagli arabi, per poi essere battezzato Agrigento nel 1927, ma il posto è lo stesso.

Ampiamente ampliata dai berberi a partire dal IX secolo, la città medievale di Agrigento non è priva di un certo fascino. In alto nel centro storico della città, la cattedrale gotica romanica, costruita nel XIV secolo, conserva ancora parte del suo carattere medievale, così come la trecentesca Chiesa di San Nicola (San Nicola). Sfortunatamente, la fortezza saracena che si credeva fosse stata ad Agrigento non ha superato la prova del tempo. I templi greci, i teatri e le rovine, e persino i musei archeologici, si trovano fuori città.

Akragas, chiamato per il fiume vicino, fiorì sotto Falaride (570-554 a.C.) e si sviluppò ulteriormente sotto Theron (488-471 a.C.), le cui truppe parteciparono alla battaglia di Himera nel 480 a.C., sconfiggendo i Cartaginesi. Agrigento fu distrutta più volte durante le guerre puniche, subendo danni particolarmente estesi durante un assedio da parte delle forze romane nel 261 a.C., ma fu sempre ricostruita. Il poeta greco Pindaro (518-438 a.C.) descrisse Akragas come "la più bella città dei mortali". Il più famoso cittadino di Akragas fu il filosofo e scienziato Empedocle (490-430 a.C.).

Nella Valle dei Templi si trovano le rovine di numerosi templi ma anche necropoli, case, strade e tutto ciò che ci si aspetterebbe di trovare in un'antica città. C'è un piccolo anfiteatro, oltre a diversi auditorium e un bel museo archeologico. Sfortunatamente, la maggior parte dei templi di Agrigento sono in rovina, con pezzi sparsi in giro, e molti sembrano non essere nemmeno mai stati completati. Parte del Tempio di Hera (Giunone), costruita intorno al 450 a.C., è ancora intatta. Il suo stile è stato paragonato a quello dei templi di Paestum, vicino a Salerno. Il Tempio della Concordia (chiamato retroattivamente), costruito intorno al 440 a.C., è in condizioni molto migliori, e di notte il tempio illuminato è uno spettacolo da vedere. Un certo numero di telamoni (grandi colonne di pietra segmentate a forma di figure umane) sono stati conservati.

L'importanza dell'antica Agrigento declinò sotto i Bizantini e i Saraceni, che incoraggiarono l'insediamento della città medievale (l'attuale Agrigento) a diversi chilometri dalla Valle dei Templi. I Normanni, tuttavia, riconobbero la sua importanza, e fu durante il dominio normanno che furono costruite bellissime chiese dentro e intorno alla città.

Il carattere architettonico della città antica sembra più greco che romano. Ciò che manca sono i mattoni sottili e rossastri così tipici dei siti romani come Solunto e Taormina. Nonostante la sua posizione praticamente all'ombra di una città moderna, la Valle dei Templi è circondata da uliveti e mandorleti che rendono il suo ambiente completamente naturale, sebbene un certo numero di case costruite illegalmente rovinino il paesaggio. Il festival dei fiori di mandorlo che si tiene a febbraio è un evento spettacolare pieno di folklore.