ERICE

Dai Greci al Medioevo
DESCRIZIONE:

Superficialmente, è l'epitome del Medioevo, a cominciare dai castelli, dalle pareti e dalle strade di pietra. In realtà, è molto più vecchio. Questa singolare città, situata su una montagna che domina la costa tirrenica della Sicilia occidentale, era l'antica Eryx , una prospera città elisiana e cartaginese, che vantava un noto tempio di una dea fenicia della fertilità, Astarte (successivamente identificata con Venere e venerata dai romani ) e il suo eroe omonimo, anche se mitico, il sovrano elisiano Eryx. Sia Ercole che Enea sono associati all'antica Erice . Secondo Diodoro Siculo, Eryx ricevette Eracle (Ercole) durante la sua visita in questa parte della Sicilia, e perse contro di lui in un incontro di lotta. Poiché Eryx sarebbe stato un figlio di Afrodite e Re Butes degli Elisiani, Virgilio lo identifica come un fratello di Enea.

Sfortunatamente, si sa poco degli Elisiani. Originari dell'Asia Minore (forse Anatolia), arrivarono in Sicilia per insediare alcune delle regioni occidentali dell'isola intorno al 1200 a.C. (a.C.), più o meno nello stesso periodo in cui i siciliani, migrando dall'Italia peninsulare, colonizzarono la parte nord-orientale dell'isola. Entrambi convissero con i nativi siciliani. Durante la dominazione greca la maggior parte degli elimi, compresi quelli di Segesta (Egesta), si assimilarono culturalmente con i greci. Le prove suggeriscono che gli Elisiani di Eryx, tuttavia, si sono assimilati più prontamente con la cultura punica dei Cartaginesi.

I Fenici, i Cartaginesi e i Romani, a loro volta, conquistarono la città, che non sviluppò mai una cultura greca particolarmente forte se non quella dei bizantini medievali dell'Impero Romano d'Oriente. Per gli arabi, Erice era un importante punto d'appoggio noto come Gebel Hamed, che i Normanni battezzarono Monte San Giuliano, un nome con cui era noto fino al 1934, quando gli fu data la sua nomenclatura latina originale.

In cima a una montagna (circa 750 metri sul livello del mare) che domina la vicina Trapani e le spiagge di San Vito Lo Capo, la deliziosa Erice è quasi una sorta di Taormina siciliana occidentale. Ci sono alcune antiche mura elisiane e fenicie che circondano il lato nord-orientale della città, e due castelli, il Castello di Pepoli, con fondamenta risalenti all'epoca araba, e il vicino Castello di Venere, risalente al periodo normanno, ma costruito sulle rovine dell'antico Tempio di Venere (o Astarte) dove si ritiene che fosse praticata la prostituzione rituale. Circondati da un parco lussureggiante, i soli castelli sulla collina meritano una sosta a Erice, che offre affascinanti vecchie strade di pietra e diverse chiese medievali. Il castello di Pepoli fu inizialmente una roccaforte feudale, anche se alla fine Erice fu ceduta alla Corona come città democratica. La vista dalle torri del castello è stupenda. Sebbene entrambi i castelli siano stati in qualche modo modificati nel corso dei secoli, hanno ancora quel carattere distintamente medievale che ci si aspetta da tali fortezze. (Il castello di Pepoli è ora un hotel.)

La città non è affatto trascurata dagli annali della storia. Strabone, Plinio e Tacito ne scrissero. Tucidide menziona gli Elisiani di Eryx ed Egesta ( Segesta ). Nel 406 a.C., un'importante battaglia navale ebbe luogo nelle acque vicine tra le flotte di Cartagine e una Siracusa, con quest'ultima vincente. Più tardi, nella prima guerra punica, Eryx cadde dai Cartaginesi e nel 260 a.C. Amilcare la distrusse. Fu molto contestato da Greci, Cartaginesi e Romani, poi raggiunti dagli Arabi negli anni caotici successivi all'827 come parte del loro viaggio verso Palermo e altre parti della Sicilia occidentale. Scrivendo nel XII secolo, il geografo arabo Idrisi osservò che le donne in questa città erano tra le più belle della Sicilia. Più tardi, anche Ibn Jubayr ne scrisse.

L'architettura ecclesiastica non è assente da Erice. La Chiesa Madre, in via Carvini, è essenzialmente una struttura proto-gotica del XIV secolo il cui stile riflette alcune influenze romaniche. All'ingresso si trova una torre più antica e la chiesa stessa è stata costruita su una struttura molto precedente. La chiesa medievale di San Giovanni Battista è stata modificata negli ultimi secoli ma conserva ancora qualcosa del suo stile originale, in particolare l'esterno. Fu costruito come una cappella ortodossa. La chiesa di Sant'Orsola del XV secolo, che conserva anche alcuni elementi gotici medievali, merita una visita.