PIAZZA ARMERINA

Immergiti nella storia
DESCRIZIONE:

Situato su un altopiano a circa 700 metri sul livello del mare a circa 35 chilometri da Enna e un po 'più vicino a Caltagirone, la città di Piazza Armerina non è priva di fascino. Fondato durante l'era araba, il suo quartiere storico ha alcune bellissime chiese, tra cui una cattedrale barocca, nonché una fortezza ben conservata (Castello Spinelli), ma la maggior parte dei visitatori viene qui per vedere la Villa romana, con i suoi magnifici mosaici. Piazza Armerina è un'affascinante città nota per il suo Palio Normanno, una sfilata estiva annuale di eventi medievali, ma l'attrazione principale è la sua antica villa romana. Situata a pochi chilometri fuori città, la villa è una delle più grandi dimore romane del suo genere sopravvissute all'antichità e probabilmente appartenuta a un ricco patrizio. Raffiguranti scene della vita quotidiana, come la caccia, i mosaici sono notevoli sia per il loro valore sociologico che per la loro abilità artistica. Uno di questi, che mostra donne vestite con costumi da bagno a due pezzi che si esercitano con bilancieri, potrebbe benissimo descrivere una scena tipica del ventesimo secolo.

La "Villa del Casale" fu costruita tra il 330 e il 360 d.C. L'identità del suo proprietario rimane oggetto di dibattito. Tuttavia, di solito vengono menzionati tre individui: Proculus Populonius, governatore della Sicilia dal 314 al 337; Caeionus Rufus Volusianus, chiamato anche Lampadius, un uomo influente e ricco; e Sabucinius Pinianus, probabilmente di nascita romana.

Ci sono 3500 metri quadrati di mosaici sui pavimenti della villa e alcuni dipinti murali sopravvissuti. Molte pareti della struttura sono ancora in piedi. Si dice che lo stile dei mosaici sia influenzato dai motivi nordafricani dei romani. Alcuni reperti minori del sito sono ospitati nel museo archeologico di Piazza Armerina.

L'arte in sé è impressionante, ma il visitatore è anche colpito dalle dimensioni della villa, il cui stile architettonico differisce nettamente da quello delle abitazioni urbane come quelle di Pompei. Gli edifici della villa sono disposti in sezioni, con un imponente ingresso e numerose sale di varie dimensioni, alcune piuttosto grandi. Ci sono anche i resti di tubi dell'acqua, visibili vicino all'ingresso. Sotto la villa sono stati trovati i resti di un villaggio. Questi sono stati datati al 100-200 d.C.

I resti di un altro villaggio, Sofiana, antico Proedium Philosophianum, sono stati scoperti circa 6 chilometri a sud della villa. Ciò include bagni, nonché cimiteri romani e bizantini e le vestigia di una chiesa paleocristiana.

La pittoresca area montuosa di Piazza Armerina non è lontana da Enna, una città sulla collina a una certa distanza a nord, oltre i boschi di eucalipti, fondata dagli antichi siciliani, successivamente popolata dai Greci, poi conquistata dagli Arabi (come Kasr 'Yanni) e successivamente governato dai Normanni. Nelle vicinanze si trova il lago di Pergusa, associato alla fanciulla greca Persphone. Ci sono diverse fattorie ospiti eccezionali (agriturismo) nella zona.