SEGESTA

Dai Greci al Medioevo
DESCRIZIONE:

Sembra che sia stato costruito ieri. L'antico tempio greco di Segesta può rivendicare la validità di essere il meglio conservato al mondo e il suo anfiteatro vanta una posizione collinare sul Monte Barbaro secondo a nessuno. Il sito archeologico, a circa settanta chilometri a sud-ovest di Palermo, riflette la presenza di numerose antiche civiltà, a cominciare dagli elusivi Elisiani . Mentre il magnifico tempio dorico, sebbene (in senso stretto) non sia mai stato completato - poiché il tetto non è mai stato aggiunto e le colonne non sono mai state scanalate - è impressionante, è solo il momento clou di un grande parco archeologico.


Per la sua remota campagna, Segesta in primavera è un luogo magico, nientemeno che Agrigento, che si trova ai margini di una città moderna. E gli elimi?

A dire il vero, si sa poco prezioso degli elimi (o elimi), fondatori del luogo inizialmente chiamato "Egesta". Originari dell'Asia Minore (forse Anatolia), arrivarono in Sicilia per insediare alcune delle regioni occidentali dell'isola intorno al 1200 a.C. dell'isola. Entrambi convissero con gli indigeni siciliani. Durante la dominazione greca, iniziata intorno al 600 a.C., la maggior parte degli elimi, compresi quelli di Egesta, Entella e altri insediamenti, si assimilarono facilmente alla cultura greca. Le prove suggeriscono che gli Elisiani di Eryx , tuttavia, si sono assimilati maggiormente alla cultura punica (cartaginese).

Tutto questo sembra piuttosto arcano, ma le iscrizioni in quella che si presume sia la lingua elisiana, scritta in caratteri fenici e greci, sono state rinvenute a Segesta, insieme a pezzi di ceramica con una scrittura simile a quella di una specifica regione dell'Asia Minore. I Greci si sposarono liberamente con gli Elisiani, ma inizialmente proibirono il matrimonio con i Sicaniani, che consideravano barbari.

Segesta è emersa come una delle più importanti città dell'antichità Siceliot (siciliano-greca). Gli stessi Segestani furono una forza formidabile sia economicamente che militarmente. Il sito collinare dell'antica città era abitato nel Medioevo e vanta le rovine fatiscenti di un castello normanno, una piccola chiesa e una moschea, insieme a un anfiteatro classico.


Costruito prima del 430 a.C., il tempio dorico è il punto focale di Segesta. Il tempio è lungo poco più di sessanta metri e ventisei metri, costruito su quattro gradini, per un totale di trentasei colonne doriche. Ci sono quattordici colonne su ciascun lato dell'edificio e sei colonne sul davanti e sul retro.

Con un diametro di circa sessantadue metri, l'anfiteatro non è molto grande ma comunque impressionante. Offre un alto punto di osservazione da cui osservare le valli circostanti.

È ampiamente accettata una teoria colorata che fa avanzare una ragione per la costruzione del tempio. Nel 450 a.C., la rivale di Segesta, Selinunte, si alleò con Siracusa, una delle città-stato più potenti della Magna Grecia. Segesta cercò aiuto fuori dalla Sicilia, rivolgendosi ad Atene per chiedere aiuto. Per gli ateniesi, Segesta era solo una città lontana di scarsa importanza. Prima di prendere in considerazione un'alleanza con Segesta, hanno inviato una delegazione di inviati diplomatici per indagare sulle pretese di ricchezza della città. Per ingannare gli ateniesi nel pensare che la loro città fosse più prospera di quanto non fosse in realtà, i Segestani costruirono il tempio per impressionare i loro visitatori. Una volta che gli inviati se ne andarono, convinti della ricchezza di Segesta, i lavori sul Tempio cessarono. Tuttavia la sua incompletezza non può comprometterne la grandiosità.

Sebbene fondata secoli prima, la storia registrata di Segesta inizia intorno al 500 a.C. La colonia greca di Selinunte, a soli sessanta chilometri a sud di Segesta, era cresciuta e prosperata drammaticamente dalla sua fondazione intorno al 650 a.C. Ciò allarmò i Segestani, che inizialmente accolsero i Greci ma in seguito considerarono il potere in rapida espansione di Selinunte una grave minaccia. Allo stesso modo i Cartaginesi, le cui città erano sparse da Mozia, vicino all'attuale Marsala, a Solunto, consideravano i Greci come una minaccia a doppio taglio che si avvicinava rapidamente su due fronti: Himera sulla costa settentrionale e Selinunte su quella meridionale. Segesta si alleò con Cartagine. Tuttavia, con la grande vittoria degli eserciti greci combinati sui Cartaginesi a Himera nel 480 a.C., i Segestani cambiarono rapidamente schieramento, diventando alleati di Atene, una delle città greche vittoriose. (I Greci combatterono spesso tra loro; le colonie greche in Sicilia erano raramente unite ed erano state fondate dai Greci da varie città della Grecia).

Se le cronache medievali quasi ignorano Segesta, in quelle antiche è poco più che una nota in calce ai conflitti epici. Eppure in luoghi come Segesta, alcune cose sembrano essere cambiate poco in molti secoli. Paestum ha campi erbosi, mandorli di Agrigento e Segesta i suoi pendii erbosi.

Che fine hanno fatto i Segestani? La vicina Calatafimi era essenzialmente una città araba di moschee e donne velate. Tuttavia, è probabile che i Segestani medievali abbandonarono la loro città per città vicine come Erice (Eryx). L'antica scultura di Segesta ci lascia con l'impressione idealizzata di un popolo sano e attraente.