TAORMINA

Tra storia e natura
DESCRIZIONE:

Abbiamo iniziato a descrivere Taormina , un ritrovo del XIX secolo dell'aristocrazia inglese, come un siciliano Monte Carlo, senza il casinò o la famiglia reale. Chiunque sia stato a Monte Carlo, o anche a Positano (sulla costa amalfitana a sud di Napoli), troverà Taormina leggermente simile ma molto diversa. È stata a lungo la località turistica più famosa della Sicilia. È stato qui, nella romantica Taormina, che un DH Lawrence auto-esiliato è stato ispirato a scrivere Lady Chatterly's Lover, una delle storie d'amore più appassionate ed erotiche della sua epoca. Taormina ha infinite strade medievali tortuose e piccoli passaggi, ognuno con i suoi segreti: ottimi ristoranti, caffè e gelaterie.

Alcuni di questi luoghi intriganti sono giardini appartati nascosti da muri in pietra, altri sono disposti su terrazze che si affacciano sulla costa o in piazze più pubbliche ma ugualmente piacevoli. Taormina è bellissima di giorno ma la sera la sua atmosfera è semplicemente incantevole, sia che si passeggi per le strade illuminate o si conceda la vista della costa durante una deliziosa cena. Poi c'è lo spettacolo più raro dei fuochi notturni dell'Etna mentre la lava scorre lungo i pendii innevati della più grande meraviglia naturale dell'Europa, lasciando dietro di sé un flusso di vapore e luce. All'interno delle sue eterne mura di pietra, la vecchia Taormina ha affascinanti monumenti archeologici e case medievali come Palazzo Santo Stefano. Magnifiche viste sul mare completano il quadro. La più famosa è la vista che domina l'anfiteatro greco-romano, uno dei più grandi della Sicilia, con l'Etna e il mare sullo sfondo.

Se stai cercando un lungo scorcio della bellezza e della storia della Sicilia da molte angolazioni in un unico posto, Taormina è una buona scelta. La città si trova su un altopiano sotto il Monte Tauro, da cui prende il nome, dove si trovano le rovine di due fortezze medievali. L'antico splendore greco di Taormina, il fascino medievale e le viste uniche sull'Etna e sulla costa ionica offrono al visitatore un'impressione duratura della Sicilia.

Taormina fu fondata dalla popolazione della vicina Naxos , un antico insediamento greco, intorno al 395 a.C., in una città siciliana. Questi primi residenti erano fuggiti dalla tirannia di Dionigi il Vecchio, che alla fine conquistò comunque Taormina, nel 392 a.C. La città fu chiamata Tauromenion nel 358 a.C., e fu ampiamente rappresentata nella politica regionale dei successivi due secoli.

La città sostenne Pirro, re d'Epiro, contro Siracusa nel 278 a.C. Fu da Taormina che condusse la sua campagna siciliana, con l'aiuto di circa diecimila truppe. Tuttavia, Taormina è stata una delle prime città siciliane a sostenere Roma durante le guerre puniche. Eunus prese la città durante la rivolta degli schiavi e quando i romani finalmente occuparono la città massacrarono migliaia di schiavi.

Taormina fiorì al tempo di Giulio Cesare, solo per soffrire sotto Ottaviano, che si vendicò contro la città per il suo sostegno a Pompeo espellendo la maggior parte dei suoi abitanti e offrendo le loro case ai soldati romani. Seguì la prosperità per i romani di Taormina.

Ovidio scrisse della "triglia dolce e tenera anguilla" delle acque di Taormina. Scrivendo nel I secolo, Plinio il Vecchio elogiava i vini di Taormina. Lo splendore della città, così evidente ancora oggi, sopravvisse alla caduta dell'Impero Romano, ma la sua importanza diminuì. Il castello "Saraceno" in cima al Monte Tauro fu probabilmente costruito dai Saraceni su una struttura bizantina più antica, e successivamente ampliato dai Normanni. Un'altra fortezza si trovava su un terreno ancora più elevato nel quartiere di Castelmola. Le mura medievali e antiche di Taormina rimangono molto intatte nella città vecchia.

Sebbene sia solo a circa 200 metri sul livello del mare, Taormina sembra molto più alta. L'anfiteatro greco fu costruito nel III secolo a.C. e ampliato dai romani, che ampliarono il palcoscenico e aggiunsero un tetto parziale (ora distrutto). I posti riservati esistevano anche in epoca greca; un seggio reca l'iscrizione del nome di Filisteo, moglie di Gerone II di Siracusa. La vista di fama mondiale sull'Etna e sul mare oltre il teatro è mozzafiato. Il teatro è teatro di spettacoli drammatici durante l'estate; le stagioni si alternano a quelle di Segesta, sede dell'altro grande anfiteatro greco della Sicilia.

L'odeon (odeum), un teatro romano molto più piccolo, si trova vicino alla chiesa di Santa Caterina (Santa Caterina), che la oscura. Sul sito della chiesa di Saint Pancras, appena oltre Porta Messina (la porta di Messina) fuori dalle mura medievali della città, c'era un tempio dedicato a Zeus, un muro di cui fu incorporato nella struttura attuale. (Si ritiene che San Pancras sia stato un prete o un vescovo della comunità cristiana di Taormina). Un altro esempio siciliano orientale del fenomeno dei templi convertiti in chiese con l'introduzione del cristianesimo è la cattedrale di Siracusa.

Le indicazioni dell'antica pianta stradale di Taormina sono evidenti e sono stati trovati pavimenti a mosaico romano nelle antiche ville della zona. Anche Palazzo Corvaia, costruito nel XIV secolo, fu costruito su basi romane. Taormina ha un buon museo archeologico (vicino all'anfiteatro), sebbene molti dei reperti più importanti della città siano ospitati altrove.

Le strade di Taormina conservano gran parte del loro sapore medievale , così come molte chiese e residenze. Il "Duomo" della città non è in realtà una cattedrale (come suggerisce il nome), ma questa chiesa arabo-normanna, costruita su una struttura paleocristiana precedente, risale al XII secolo. La Badia Vecchia (Vecchia Abbazia) è una costruzione del XIV secolo. Un'icona a mosaico bizantina medievale (ortodossa) del Theotokos ("Madre di Dio") è perfettamente conservata nel passaggio ad arco sotto la Torre dell'Orologio lungo Corso Umberto I che conduce in Piazza 9 Aprile. Ci sono anche alcune affascinanti strutture barocche e recenti. C'è stata una presenza britannica e un'affascinante chiesa anglicana a Taormina per molti anni. DH Lawrence (1885-1930) visse nelle vicinanze e basò molte delle sue storie su eventi locali.

Il castello più grande (nel quartiere di Castelmola) domina la città. Offre una vista spettacolare, anche se è un po 'distante da Taormina e non è particolarmente ben conservato.